Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | December 8, 2019

Scroll to top

Top

One Comment

Rompiamo le scatolette

Emanuele Bonati

Una bella idea, quella di proporre un libro di ricette per “cucinare” le scatolette… L’ha avuta Marco Squizzato, autore di Un rompiscatole in cucina (Sperling & Kupfer) – appunto.

Chef nei Colli Euganei, Squizzato ha pensato a una serie di ricette che partono dall’utilizzo del cibo in scatola, arricchito e abbellito sempre da ingredienti freschi, e le ha filmate e pubblicate su YouTube – realizzando in cinque minuti (circa…) una serie di piatti interessanti (e sicuramente scenografici…) come “Chef Rompiscatole”.

Come si sa, dalla rete (così come dalla televisione del resto) alla libreria il passo è breve – e anche il nostro rompiscatole ha dato alle stampe il suo bel libro di cucina, presentato l’altra sera allo spazio Cooks&Books del Mondadori Multicenter in Piazza del Duomo a Milano. Interessante idea, dunque, molto simpatica, piacevole – il fatto di poter preparare – velocemente soprattutto – piatti belli ed appetitosi (e, va sottolineato, tutti controllati e bilanciati dal punto di vista nutrizionale, come testimoniato anche dalla nutrizionista che ha collaborato al volume e che era presente in sala), sicuramente attraente, e rientra nel filone “cucina utile ma sana e controllata” che sta conquistando un suo spazio negli affollati scaffali enogastronomici. Importante anche la sottolineatura della salubrità e naturalezza degli alimenti conservati in scatola, spesso visti con un occhio di sospetto decisamente ingiustificato; e tutto sommato lo “spottone” per l’industria della scatoletta, Leitmotiv serpeggiante per tutta la presentazione, anche se un po’ troppo insistito, è stato senz’altro utile, viste anche le richieste di chiarimenti da parte del pubblico (come si conservano le scatolette aperte?); bella l’idea di utilizzare nella presentazione scatolette vere ri-etichettate con il logo-copertina del libro (è stato anche chiesto dove si potevano comprare…).

Meno indovinata forse l’idea del giocare, nei comunicati stampa, sulla contrapposizione con l’orto sotto casa, con la “cucina vera”: «Marco Squizzato smantella i miti dell’orto dietro casa, degli ingredienti scelti al mercato, delle lunghe preparazioni fedeli alla tradizione culinaria». Forse la contrapposizione non esiste, forse usarla in questo modo non è una comunicazione perfettamente corretta, forse il povero “Chef Rompiscatole” non voleva esattamente partire lancia in resta contro la natura propugnando una scatolettizzazione delle cibarie…

Anche un paio di frasi della nutrizionista forse erano un po’ fuori tono (come il discorso che aiuto, che sollievo per noi povere donne che torniamo la sera stanche poter aprire una scatoletta… quindi io povero ometto non posso nemmeno pensare di aprirne una? …e quelle per il gatto? le posso aprire, o uso il libro della Rangoni 101 ricette per il mio gatto?).

Qualche riserva sulla location – una saletta piccola, con alcune persone rimaste sulla soglia, compreso il sottoscritto, e tutto un po’ troppo “impiccato”, compreso il simpatico buffet finale – come sempre, una selezione di preparazioni preparate appunto seguendo il libro… (ma perché lo spumante verde?).

Emanuele Bonati

Comments

Submit a Comment